torna indietro

tesi

Il numero delle tesi di laurea riguardanti l’Azienda Urbani Tartufi sale a quota 100. A permettere il raggiungimento di questo risultato è Martina Marcantoni che, per coronare d’alloro il suo percorso universitario alla Facoltà di Scienze Umane e Sociali dell’Università per Stranieri di Perugia, corso di laurea magistrale in promozione dell’Italia all’estero, ha pensato di portare ad esempio dell’impegno italiano nel mercato internazionale la Urbani Tartufi, presente dal 1852 nel mercato americano e ineguagliabile fautrice di un nuovo modo di apprezzare la buona tavola, portabandiera del gusto e della raffinatezza italiane in un continente che, poco meno di due secoli fa, ignorava il tartufo e il mondo che riflette il suo splendore.
“Quando nel 1850 il mio bisnonno è arrivato per la prima volta negli Stati Uniti” racconta Olga Urbani, ownership/manager dell’azienda, “gli americani percepivano il tartufo come una cosa strana, sconosciuta. Per far loro cambiare idea la famiglia Urbani si è spostata per decenni tra l’Italia e l’America e nelle lettere di famiglia che ho personalmente raccolto e custodito nel Museo del Tartufo, fatto costruire in memoria di mio padre, faro che illumina il percorso della mia vita, ci sono storie bellissime che raccontano il rapporto tra questi due mondi.
Oggi, grazie a questo importante lavoro, il tartufo piace molto in tutta l’America e la presenza di abili Chef facilita molto questa diffusione. Chef che hanno imparato dai grandi maestri della cucina italiana e che in seguito, hanno saputo anche innovare con molta maestria.
Questo scambio di conoscenze e di culture, unito alla necessità di adattarsi a un mercato nuovo, sono stati un forte stimolo per la nostra azienda. Abbiamo saputo innovare e rinnovare i nostri prodotti senza mai dimenticare le origini e la grande tradizione su cui possiamo orgogliosamente poggiare il nostro presente e immaginare il futuro.
La tesi di Martina quindi, mi ha regalato grandi emozioni perché ha toccato un tema a noi molto caro. Grazie è assolutamente un temine inadatto per esprimere non solo quanto bene mi ha fatto, ma per dire quanto l’ho trovata interessante, innovativa, stimolante, prestigiosa, un qualcosa che sicuramente rispecchia Martina e quello che ha dentro.
Martina, io ti sono grata per il lavoro svolto di grande valore, la Urbani Tartufi tutta ti è grata per questa testimonianza densa di informazioni illuminanti anche per noi che di questo mondo abbiamo fatto la nostra missione di vita.
Ormai farai parte per sempre della famiglia Urbani, la “grande famiglia del tartufo”, che esporrà la tua tesi al Museo Del Tartufo Urbani dove migliaia di persone potranno vederla ogni anno, provenienti da ogni paese del mondo e per sempre sapranno che a questo mondo, già impregnato di fascino ed ammirazione, ti sei aggiunta anche tu con il tuo prezioso lavoro che rimarrà per sempre come un altro tesoro di questo mondo unico.
Grazie dal profondo del cuore di tutti noi”.