torna indietro

E’ stato siglato pochi giorni fa un importante accordo tra ENIT – Ente Nazionale del Turismo – e FICO Eataly World che sancisce Fabbrica Italiana Contadina come prima meta del turismo enogastronomico internazionale, luogo d’attrazione principale per quanto riguarda l’eccellenza del Made in Italy.

E’ proprio grazie al più grande parco agroalimentare al mondo ideato da Oscar Farinetti,FICO EATALY WORLD, luogo di incontro per tutti coloro che amano il cibo e vogliono conoscere i segreti della biodiversita’ alla ricerca di informazioni ed esperienze uniche, che l’Italia del cibo si unirà a quella del turismo per attrarre milioni di turisti, italiani e stranieri, coniugando l’orgoglio della nostra tradizione agroalimentare con le bellezze del territorio. Grazie a questo accordo, l’Enit realizzerà azioni promozionali in Italia e all’estero, destinate al pubblico, agli operatori turistici e ai media.

E’ in mostra la meraviglia della biodiversità italiana in questo enorme museo italiano del cibo  ‘dal campo alla forchetta’, in cui si produce e si coltiva, si vende e si consuma, un luogo in cui si impara a rispettare il cibo e conseguentemente se stessi .

«La nostra azienda,Urbani Tartufi, è uno dei partner di FICO», dice Olga Urbani, proprietaria con la famiglia dell’azienda leader mondiale del settore, «Abbiamo da sempre creduto e sostenuto questo grande progetto dell’amico Oscar Farinetti poiché siamo certi che le eccellenze italiane debbano essere  riscoperte e valorizzate a livello nazionale e mondiale. Sono le nostre ricchezze che costruiranno un futuro migliore per i nostri figli. Viviamo in un paese ricco sotto molti punti di vista ma fino ad oggi molto povero nel saperne valorizzare ogni aspetto. FICO sarà quello che fino ad oggi è mancato, un trampolino di lancio per il Made in Italy, un’attrazione turistica di livello internazionale capace di promuovere l’immagine dello stile di vita italiano, del mangiar bene, riscoprendo le nostre tradizioni ed esaltandone le caratteristiche grazie anche all’innovazione. Oltre a questo, il grande immenso piacere di collaborare con Tiziana Primori, donna dalle incredibili capacita’ ed amministratore unico di FICO con la quale condividiamo  gli ideali che hanno mosso questo progetto, un’ importante novità: fare cultura con il cibo. Per questo abbiamo pensato di costruire dentro FICO, oltre a punti di interesse e ristorazione, una vera tartufaia che possa permettere ai presenti di comprendere a fondo l’origine del pregiato diamante della terra, che possa riportare ognuno di noi a contatto con le proprie radici e costruire da qui le basi per il futuro. Un ringraziamento particolare al designer Andrea Rocchi di Elan Contract di Perugia che ha realizzato i nostri spazi con grande professionalità”.

Ma la novità più grande  sarà un’altra: da un’idea di Francesco Loreti Urbani  nasce TRUFFLELAND, un’azienda specializzata nella produzione di piante da tartufo, un grande investimento per chiunque abbia terra da coltivare! Sara’ un modo di riportare i giovani all’agricoltura, all’amore per la terra, ai valori di un tempo lontano.