torna indietro

Di seguito la trascrizione dell’articolo.

Lo Chef Gianfranco Vissani gira l’Italia a caccia delle eccellenze del territorio e le presenta ai lettori di Oggi.

I TARTUFI CHE PARTONO DALL’UMBRIA PER VIAGGIARE IN TUTTO IL MONDO.

Da metà 800 sulle colline tutto intorno a Perugia, la famiglia Urbani coltiva e vende il prezioso tubero.

Ci sono miracoli che hanno bisogno della natura incontaminata, di paeselli densi di calore umano, del lavoro di una famiglia unita. E’  il caso del tartufo che ci rende famosi nel mondo. Il 70 per cento del mercato mondiale è coperto da Urbani, azienda di Sant’Anatolia di Narco (PG) nata nel 1852, quando il lungimirante Costantino avviò l’esportazione in Francia di tartufi, tanto buoni da fare invidia anche a  Perigord. Da allora la famiglia ha continuato a diffondere questo progetto e oggi ha nove sedi nel mondo. Il cuore dell’attività resta l’Umbria, dove si raccoglie sua maestà il tartufo bianco -che cresce solo in maniera spontanea- e dove si studiano le migliori tecniche di coltivazione del tartufo nero pregiato di Norcia. Che si è lasciato addomesticare e coltivare proprio in quest’ambiente molto speciale.

LO TROVATE IN TUTTE LE FORME

CHI E’: Azienda Costantino Urbani

DOVE SI TROVA: Sant’Anatolia di Narco (PG)

COSA PRODUCE: tartufo bianco e tartufo nero di Norcia, freschi o in salamoia, affettati, come ingredienti di oli, salse, dolci.

DOVE SI ACQUISTANO I PRODOTTI: la linea dell’azienda Urbani si può acquistare on line con consegna gratuita oltre i 50 euro

Sito internet: www.urbanitartufi.it