torna indietro

Si è da poco conclusa la celebrazione del Premio Marisa Bellisario, il riconoscimento che, con bellissime mele d’oro, valorizza le donne che si sono distinte per il loro impegno, professioniste meritevoli che muovono il nostro Paese: amministratori delegati, direttori di grandi aziende, scienziati e art director.
Un premio assegnato a donne eccellenti in ricordo della prima “capitano d’industria” italiana, donna di alto talento, venuta a mancare troppo presto: Marisa Bellisario.
Una ricorrenza che esalta la figura della donna che, senza perdere la propria femminilità, sa far valere il proprio talento.
Olga Urbani, già vincitrice del premio e regina di quel diamante della terra che è il tartufo, a capo dell’azienda che detiene il 70% del mercato mondiale del pregiato fungo ipogeo, ha in questa occasione vestito i panni insieme ad altre importanti donne di successo, di colei che ha consegnato l’importante mela d’oro ad una delle candidate, Patrizia Famiglietti, per l’impegno e la determinazione con cui custodisce e perpetua i saperi artigiani simbolo della tradizione italiana.

«E’ stato un onore ed una grande emozione per me partecipare a questa manifestazione stando dall’altro lato, poter essere da ispirazione ad intraprendenti donne del panorama italiano che sono uno dei grandi valori da difendere del nostro Paese. Essere donna oggi non è ancora facile. Non conta solo il curriculum, dobbiamo prendere coscienza che siamo nate per essere “grandi”. Abbiamo il dovere di contribuire a creare un mondo migliore, ad alzarci in piedi e gridare contro le ingiustizie, ad avere un’idea chiara e lottare per difenderla. Per questo tengo a ricordare a tutte che un premio non è mai un arrivo ma sempre un punto di partenza. Per me ha rappresentato un grande impegno perché ognuna di noi e’ spinta nelle proprie azioni dal destino che ha avuto ma il talento non si trasforma in successo da solo, e’ necessario camminare al fianco di altre persone di valore e tra donne possiamo aiutarci ogni giorno a diventare sempre più grandi. Ho visto donne che stanno cambiando il mondo, sono rimasta estasiata dalla testimonianza di Patrizia Paterlini Brechot, una scienziata che ha trovato un metodo rivoluzionario per uccidere il cancro e da tante donne che portano in alto il proprio talento e con esso, una speranza ed un esempio per le generazioni future, Patrizia donna eccezionale anche per la sua umilta’ e per la sua incredibile umanita’. La nostra Presidente Lella Golfo poi mi ha tanto commosso quando ha detto che siamo una “grande famiglia”,e’ bellissima questa cosa, con tutte loro mi sono sentita “a casa”. Forse e’ questo il più grande successo che abbiamo raggiunto! Attendo tutte a breve presso l’Accademia del tartufo Urbani per poter festeggiare insieme e passare una giornata in meravigliosa compagnia»
Tra le premiate anche Camilla Borghese, Presidente e Amministratore Delegato dell’Istituto Biochimico Italiano Giovanni Lorenzini, per la sezione Imprenditoria; a Luisa Delgado, Amministratore Delegato Safilo Group, per il Management; a Paola Basilone, Prefetto di Roma, per le Istituzioni; a Ida Colucci, direttore del Tg2, per l’Informazione e a Maria De Filippi, per lo Spettacolo. E poi, tanti altri premi speciali, per tutte quelle che quotidianamente mettono se stesse in quello che fanno.
Ancora un cenno su Lella, che riesce a tenere in piedi questo premio e la Fondazione in modo sempre nuovo e rinnovando un entusismo che cresce ogni volta, lei giornalista, poi parlamentare, Commendatore e Cavaliere della Repubblica e da sempre impegnata nella difesa dei diritti delle donne.

«Non abbiate paura di sbagliare e di cadere»,ha detto la Golfo, «amate i sacrifici che vi porteranno alla meta perché anche quelli fanno parte del viaggio. C’è una frase di Marisa che ripeto spesso: “Il mio ottimismo e le mie certezze derivano da due cose: sono pronta ad affrontare cambiamenti e sfide e penso che possiamo avere un domani migliore dell’oggi, perché molto dipende da noi”».
Per chi volesse rivivere queste emozioni, la serata verrà trasmessa Mercoledì 21 su RAI2 in seconda serata.