torna indietro

Si è svolta nella serata di giovedì grasso, la Convention annuale di Urbani Tartufi, una due giorni “in famiglia” dedicata alla grande rete di vendita italiana dell’azienda. Oltre cento i presenti tra agenti del settore ingrosso, grande distribuzione e dettaglio,  con naturalmente la famiglia Urbani al completo.
Una momento di aggregazione importante in cui il sentirsi parte dell’azienda diviene non solo una condivisione di obiettivi ed impegni ma anche di valori, di emozioni. Le stesse emozioni che i presenti hanno potuto provare all’arrivo partecipando allo spettacolo pirotecnico che, per dieci minuti, di fronte all’ingresso dell’azienda, ha illuminato la valle circostante. Emozioni che sono proseguite quando Giammarco Urbani, proprietario con la famiglia dell’azienda, ha parlato ai presenti ricordando quanto il loro impegno sia importante, quanto valore rappresenti, evidenziando i nuovi obiettivi, infondendo nuovi stimoli e guardando alle nuove generazioni ed al futuro con grande tenacia e sicurezza di riuscita. In seguito, il  più giovane della famiglia e dell’azienda Urbani, Francesco Loreti Urbani,  ha  presentato il suo amatissimo progetto, Truffleland, un’idea che rivoluzionerà l’agricoltura del futuro (vedi QUI l’articolo riguardante il progetto). Un’idea nata da un giovane per i giovani, le premesse di un futuro che continuerà a portare alta la bandiera dell’azienda Urbani Tartufi.
La serata è proseguita con una splendida cena a base, naturalmente, di pregiato tartufo Urbani e, ciliegina sulla torta, con lo spettacolo d’intrattenimento carnevalesco che ha visto trasformare l’Accademia del tartufo Urbani in un piccolo “Rio” con bravissime ballerine brasiliane che hanno coinvolto i presenti in danze e in un clima di festa e di grande allegria. Festeggiamenti che sono proseguiti con la premiazione degli agenti e del personale che si è distinto quest’anno per i “numeri” e gli obiettivi raggiunti.
«Ad essere sincero», ci racconta Franco Montemaggiore, Direttore Commerciale Urbani Funghi e uno dei coordinatori della rete di vendita, «i nostri agenti sarebbero tutti da premiare, senza alcuna esclusione. Stanno svolgendo un lavoro egregio e i risultati sono ogni anno sempre più tangibili. Quest’anno abbiamo voluto premiare alcuni di loro ponendo l’accento sulla tenacia e sul lavoro svolto da alcune new entry che hanno saputo aggregarsi alla nostra grande famiglia con la passione e la dedizione che costituisce uno dei punti di forza dell’azienda».
Il giorno successivo, venerdi, la Convention è proseguita in un clima di grande operatività con la visita ad alcuni dei punti nevralgici del progetto “Truffleland” come il vivaio in piena attività, le nuove tartufaie e la presentazione del progetto completo con dati e analisi tecniche alla mano. Gli agenti della rete vendita sono stati  divisi in tre gruppi e seguiti con estrema attenzione dallo stesso Franco Montemaggiore, dal Dr. Pietro Borroni, Direttore commerciale Urbani Tartufi e da Fabrizio Ascani della Direzione Marketing.
A seguire uno splendido pranzo a buffet realizzato niente di meno che dal grande Chef Nino Cannavale, anche lui tra i premiati di questa Convention, figura di spicco per l’azienda in quanto ideatore del semifreddo al tartufo e di altri importanti nuovi prodotti di eccellenza. Tra le sue invenzioni, ultima  ma non in ordine di importanza, il gelato “bombonierina”, piccole praline di gelato al tartufo delle quali sentirete presto parlare.
«E’ sempre una grande emozione partecipare a questa Convention», ci racconta Olga Urbani, «vedere la passione e l’amore con il quale i nostri agenti si dedicano all’azienda mi riporta indietro nel tempo, a mio padre, ai miei nonni, a quello che mi hanno insegnato. La forza più grande di un’azienda è proprio l’unità, il riuscire a rendere ogni collaboratore una pedina fondamentale del sistema. Quella passione ormai so leggerla ed è bello ritrovarla negli occhi di ognuno di loro. Penso al passato e penso al futuro e, vedere mio figlio lì, nello stesso punto dove mio padre teneva i suoi discorsi, nello stesso punto dove mio cugino Giammarco ha egregiamente motivato i ragazzi a fare sempre meglio, ecco,  vederlo parlare con quella stessa passione ed entusiasmo che conosco e riconosco, è motivo di grande gioia. Sapere che quel sangue che scorre nelle vene da sei generazioni, prosegue ed è sempre più forte, mi regala un momento per me, per sedermi un attimo, sorseggiare un buon bicchiere di spumante e sorridere brindando al futuro»

Di seguito la lista dei premiati:

Premi alla carriera interni: a Sonia Funghi, Riccardo Boresti, Marco Santucci  e Guglielmo Somma

Premi per il canale “ingrosso”: a Tonino Profeta (Sicilia), Mauro Filacchione (Lazio),Basili Enrico (Lazio), Cristian Rondelli  (Campania), Riccardo Bovini (Lombardia)

Premio speciale allo Chef Nino Cannavale